Stop allo smog, occorre una scelta coraggiosa e coordinata Dove sono finite le piste ciclabili intercomunali?

smog-maschere.jpgMagenta, 23 febbraio 2010 – La battaglia contro lo smog non è di destra, né di sinistra, ma servono scelte concrete e coraggiose per salvaguardare l’ambiente in cui viviamo.

Non si comprende quindi la scelta del Sindaco di Magenta di non aderire alla proposta lanciata dall’Associazione Nazionale Comuni d’Italia per domenica 28 febbraio.

In passato, l’Amministrazione comunale di Magenta aveva sempre dichiarato di non aderire a blocchi del traffico estemporanei e non coordinati; ma una decisione condivisa da oltre 80 comuni italiani (e molti si stanno aggiungendo in queste ore) è certamente un’azione coordinata e condivisa a livello territoriale.

Auspichiamo che in queste ore vengano superate le timidezze anche di altri Comuni del magentino affinché lo “stop” di domenica possa essere il più significativo possibile.

Condividiamo anche la proposta avanzata dell’ANCI di poter destinare risorse comunali escludendo dal Patto di stabilità gli investimenti per la lotta ai cambiamenti climatici e per la riduzione delle emissioni inquinanti.

A questo proposito stupisce il mancato coordinamento da parte di Regione Lombardia su un fronte così importante per la salute delle nostre comunità.

Siamo consapevoli che il blocco del traffico è sempre una misura “tampone”, che non risolve il problema dell’inquinamento dell’aria, ma a volte si rende necessaria.

Per non arrecare eccessivi disagi ai cittadini, occorre predisporre un potenziamento forte e straordinario del servizio di trasporto pubblico locale.

Di certo servono interventi più strutturali e anche a Magenta si sarebbe potuto fare di più. Ad esempio, realizzando in questi anni un’articolata rete di piste ciclabili che oggi non esiste: perché non sono stati utilizzati i finanziamenti provinciali per la costruzione di piste intercomunali, annunciate e mai realizzate?

Soprattutto si sarebbe dovuto inserire nel Regolamento edilizio comunale, recentemente rivisto, norme obbligatorie per la valorizzazione del “buon costruire” (impiego di materiali e tecnologie termoisolanti, pannelli solari e fotovoltaici, ecc.) che avrebbe garantito la costruzione e la realizzazione degli edifici con modalità eco-sostenibili e quindi meno inquinanti.

Silvia Minardi

Capogruppo Pd Magenta

Paolo Razzano

Segretario Pd Magenta

Stop allo smog, occorre una scelta coraggiosa e coordinata Dove sono finite le piste ciclabili intercomunali?ultima modifica: 2010-02-23T15:34:10+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento