La posizione del PD Magenta in merito alla vicenda nazionale relativa all’elezione del Presidente della Repubblica

Il circolo di Magenta del Partito Democratico, riunitosi mercoledì 24 aprile nella seduta del suo Coordinamento, aperta a tesserati e simpatizzanti, ha discusso delle vicende nazionali relative all’elezione del Presidente della Repubblica e ha condiviso quanto segue:

1.    Esprimiamo profonda amarezza e delusione per il comportamento tenuto da una parte dei  nostri eletti e rappresentanti in occasione della votazione di venerdì pomeriggio per Romano Prodi. Coloro che, in assemblea, hanno acclamato la candidatura di Prodi e, nel segreto dell’urna, hanno fatto altrimenti, senza assumersi la responsabilità delle proprie azioni, hanno tradito la fiducia di tutti i militanti e gli elettori del Partito Democratico. Esprimiamo anche perplessità per l’incapacità mostrata dai nostri rappresentanti, in occasione della candidatura di Franco Marini, di proporre e condividere una posizione comune e di sostenerla compattamente al momento del voto.
2.    In particolare, riteniamo che il mancato sostegno alla candidatura di Romano Prodi sia stato un comportamento irresponsabile e distruttivo. Non era finalizzato a prendere una posizione politica pubblica o a dare un messaggio al Paese, dato che i responsabili non si sono fatti avanti e non hanno dichiarato le loro ragioni. Era mirato esclusivamente a risolvere una questione interna, giocando però con il bene dell’intero Paese e senza preoccuparsi delle conseguenze sulla credibilità del Partito.
3.    Non ci riconosciamo nel Partito che emerge da questa vicenda. Rivendichiamo che il Partito per cui ci siamo impegnati e che abbiamo realizzato, noi a Magenta così come in tante altre realtà, è una cosa diversa: un insieme di persone animate da spirito di servizio e responsabilità, che mettono a disposizione il proprio tempo e le proprie energie per la collettività, che cercano di fare politica mettendosi in sintonia col sentire dei cittadini e che non anteporrebbero mai questioni interne all’interesse comune.
4.    Invitiamo la nostra dirigenza e i nostri rappresentanti nazionali, in questa difficile fase, ad adoperarsi per evitare che il Partito si lasci andare alle accuse incrociate e ai regolamenti di conti. Gli appuntamenti importanti per il Paese sono solo iniziati. Con l’incarico conferito ad Enrico Letta di formare il nuovo governo, ci attendono passaggi delicati in cui si gioca l’interesse del Paese e in cui è fondamentale che il Partito Democratico si mostri capace di ricompattarsi per dire la propria, in termini di contenuti, sulle riforme che servono all’Italia. Cedere ad una gestione “anarchica” in questa fase avrebbe l’effetto di danneggiare ulteriormente la nostra immagine e la nostra credibilità e nel lungo periodo potrebbe mettere a repentaglio la stessa sopravvivenza del nostro Partito.
5.    D’altro canto, non pensiamo che questo episodio possa essere perdonato o dimenticato. Non pensiamo che il dissenso di 101 persone possa essere rimasto completamente segreto. Chiediamo di sapere l’identità delle persone che hanno tradito la nostra fiducia, per poter superare questo episodio e aprire serenamente una fase nuova. Chiediamo che queste persone si dimettano dal loro incarico, perché non affidabili.
6.    Chiediamo che, adesso, si apra per il Partito Democratico la necessaria fase congressuale, e che questa sia democraticamente libera e aperta, di ampia partecipazione e autentico confronto. Auspichiamo che in questa fase possano essere affrontati e sciolti i nodi del nostro stare insieme, evidentemente ancora irrisolti, che sono stati alla base di questa vergognosa  vicenda. Chiediamo alla nostra dirigenza, nazionale, regionale e metropolitana, di impegnarsi a garantire questo percorso, mettendosi in gioco e aprendo gli spazi e i ruoli che hanno finora ricoperto a quelle forze, portatrici di un’istanza di rinnovamento culturale nel modo di fare politica che, sappiamo per certo, il nostro Partito, a partire da territori, possiede.
   
    Il Circolo PD di Magenta

La posizione del PD Magenta in merito alla vicenda nazionale relativa all’elezione del Presidente della Repubblicaultima modifica: 2013-04-24T13:15:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “La posizione del PD Magenta in merito alla vicenda nazionale relativa all’elezione del Presidente della Repubblica

Lascia un commento